Agriturismo Lucerna del Lago Prile a Castiglione della Pescaia, Grosseto

L'Agriturismo Lucerna del Lago Prile grazie alla sua ottima posizione offre la possibilità di godere di assoluta tranquillità e allo stesso tempo di raggiungere in pochi minuti il mare di Castiglione della Pescaia, o una delle bellissime spiagge della Maremma Toscana

Archivio articoli e news

Castiglione della Pescaia, tradizione agriturismo lucerna del lago prile carnevale

Pubblicato in data 15/02/2017

Condividi la news Castiglione della Pescaia, tradizione agriturismo lucerna del lago prile carnevale su Facebook
tradizione-carnevale-castiglione-della-pescaia-agriturismo-lucerna-del-lago-prile

La tradizione toscana, con la ricetta delle frittelle di riso di carnevale.
Ingredienti:
500 ml di latte
150 gr di riso originario (8 cucchiai)
1 pizzico di sale
1 buccia di limone
2 cucchiaini di lievito
60 gr di farina
40 gr di zucchero
1 uovo
olio di semi
zucchero semolato a piacere
Preparazione:
Mettete a scaldare il latte con la buccia di limone e il sale; non appena è caldo, versate il riso e fate bollire piano fino a completo assorbimento. Fate raffreddare, aggiungete l’uovo sbattuto, lo zucchero, la farina setacciata con il lievito e amalgamate bene il tutto. Scaldate nella padella olio di arachidi a fuoco medio. Friggete le frittelline man mano fino a quando non diventeranno di un bel dorato scuro. Scolatele su carta assorbente e rotolatele nello zucchero. Servire.

Scottiglia maremmana piatto tipico regionale

Pubblicato in data 14/09/2016

Condividi la news Scottiglia maremmana piatto tipico regionale su Facebook
scottiglia-maremmana-piatto-tipico-ricetta

Ingredienti:
– 12 pezzetti di polpa di maiale
– 12 pezzetti di muscolo di vitellone
– 12 pezzetti tra pollo, faraona, anatra
– 6 pezzetti di agnello
– Una cipolla
– Una carota
– Un gambo di sedano
– Prezzemolo
– Basilico (in stagione)
– Vino rosso
– Pomodori maturi o pelati gr. 500
– Brodo
– Pane casalingo
– Olio d’oliva
– Sale e pepe

In un tegame molto capiente fate rosolare tutte le carni, senz’olio, poi copritele con un trito di cipolla, sedano, carota, prezzemolo e basilico.
Quando il tutto sarà ben rosolato, bagnate con 2 bicchieri di vino e fate evaporare lentamente.
Aggiungete quindi i pomodori, salate, pepate e cuocete, coperto, per oltre 2 ore.
Alla fine le carni dovranno essere morbidissime, la polpa si dovrà staccare dagli ossi e il sughetto dovrà essere abbondante.
Servite il tutto, non troppo caldo, su fette di pane abbrustolite.

Cacciucco Ricetta Tipica Maremmana

Pubblicato in data 31/08/2016

Condividi la news Cacciucco Ricetta Tipica Maremmana su Facebook
cacciucco ricetta tipica maremmana

INGREDIENTI
• 2 kg e 500 g di pesce misto (gallinella san Pietro seppie pesce cappone palombo)500 g di cozze
• 300 g di pomodori
• 1/2 litro di vino bianco secco
• 1 cipolla
• 2 spicchi d’aglio
• peperoncino rosso
• prezzemolo
• fette di pane
• olio
• sale
• pepe

PROCEDIMENTO
In una padella mettete le cozze, un cucchiaio d’olio e un bicchiere d’acqua, lasciatele schiudere a fuoco vivace, togliete i molluschi e teneteli da parte. Tagliate a pezzi i pesci più grandi e lasciate interi i piccoli. In un recipiente di coccio scaldate un bicchiere d’olio, insaporitevi per 10 minuti un trito di cipolla, prezzemolo, aglio, peperoncino, sale e pepe. Versate il vino e fate evaporare. Aggiungete i pomodori, fate sobbollire per 10 minuti. Unite i pesci a carne più soda, bagnateli con un po’ d’acqua calda, cuocete a fuoco vivo 10 minuti. Aggiungete i pesci più teneri e cuocete 20 minuti. Unite i molluschi. Servite con il pane abbrustolito soffregato con uno spicchio d’aglio.

Schiacciata di Pasqua dolce tradizionale toscano

Pubblicato in data 23/03/2016

Condividi la news Schiacciata di Pasqua dolce tradizionale toscano su Facebook
schiacciata di pasqua toscana ricetta

La schiacciata di Pasqua è un dolce regionale, tipico della tradizione toscana. Ecco la ricetta originale per prepararlo in casa.

Ingredienti:
Farina bianca : 500 g
Zucchero : 170 g
Burro : 80 g
Olio extravergine di oliva toscano : q.b.
Uova : 3
Lievito di birra : 85 g
Anici : qb
Vin santo : qb
Bicchierino di liquore : 1/2
sale : 5 g
Miele : 1 cucchiaio
Arancio : 1
limone : 1

Sciogliete in una tazza d'acqua le quantità di lievito di birra indicate e mescolatelo versando farina bianca fino a fare amalgamare l'impasto.
Lasciate lievitare per mezz'ora in ambiente caldo e umido finché non forma tante bollicine coperto con un canovaccio. Questo primo impasto chiamato lievitino deve raddoppiare di volume. Mettete ora gli anici a bagno con il succo di un'arancia e un limone, aggiungete anche le scorze dei due frutti e un cucchiaio di zucchero. Riprendete l'impasto e unite metà di tutti gli ingredienti, 1 tuorlo d'uovo, 1 uovo intero, il burro, olio evo, gli anici, il Vin santo, il mezzo bicchierino di liquore (a scelta tra Sambuca, Strega o Rosolio di menta) un pizzico di sale, mezza arancia e mezzo limone grattugiati. Lavorate a mano o con l'impastatrice finché l'impasto non diventa elastico, morbido ma omogeneo. Mettete a lievitare in forno per quaranta minuti. Unite poi il resto degli ingredienti e impastate come prima. Prendete l'impasto e adagiatelo in una teglia unta d'olio, rimettete a lievitare in forno per 3 ore. Al temine della lievitazione, estraete la teglia dal forno, mettete un pentolino con acqua nel forno e portatelo a temperatura a 160 gradi circa. Spennellate la schiacciata con la chiara d'uovo e mettetela in forno per circa 50 minuti a 160° circa. Lasciate poi raffreddare prima di servire in tavola.

Carnevale in Agriturismo Lucerna del Lago Prile Castiglione della Pescaia con i cenci maremmani

Pubblicato in data 17/02/2016

Condividi la news Carnevale in Agriturismo Lucerna del Lago Prile Castiglione della Pescaia con i cenci maremmani su Facebook
cenci di carnevale lucerna del lago prile toscana agriturismo

I Cenci, gli strufoli e i tortelli ripieni sono i tradizionali dolci toscani di carnevale.I cenci sono una variante delle chiacchiere, così chiamati per la loro forma che ricorda pezzi di stoffa. Gli ingredienti di base sono per lo più simili, e vengono chiamati con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza.
La ricetta:
400g. Farina
50 g. Zucchero
30 g. burro
3 uova
1 bustina di vaniglia
1 Bicchierino di Vin Santo
Scorza grattugiata di 1 arancia e 1 limone
1 cucchiaino raso di bicarbonato
1 pizzico di sale.
Olio di arachidi per friggere

Mescolare farina, zucchero, sale vaniglia ,bicarbonato e scorze degli agrumi grattate.
Mescolare bene ,versare al centro vino, burro fuso e uova ;incorporare bene tutto e impastare energicamente per 15 minuti , fare un panetto e riposare coperto da pellicola per 1 ora in frigo.
Stendere la sfoglia con il tirapasta ( fare due passaggi con il primo foro, per ben compattare la sfoglia)
e poi man mano fino allo spessore del penultimo buco.
Farcire la sfoglia con la ricotta all'alchermes , mettendola a cucchiaini, richiudere e sigillare bene i bordi come per i ravioli. ( E rifilare)
Fare pochi cenci alla volta tenendoli coperti con un tovagliolo nel frattempo che cuociono gli altri .
Tenere coperto anche il panetto, altrimenti la pasta si secca e si spacca in cottura. Friggere nella friggitrice a 180° fino a raggiungere un bel colore dorato. (friggere pochi alla volta).
Con la pasta avanzata dal rifilo dei bordi fare i cenci classici.
Tirare la pasta fino al penultimo buco della tirapasta, tagliare dei rombi in diagonale e incidere con 3 piccoli taglietti nel mezzo, senza bucare la pasta.
Piccolo trucco per i cenci classici:
Mentre friggono dare dei piccoli colpi con la forchetta, così si gonfieranno bene in cottura., con le tipiche "bolle".
Farcia di Ricotta:
700 g. ricotta di pecora ( fatta ben scolare in un setaccio ,per alcune ore)
Zucchero quanto basta ( a piacere) 3/4 cucchiai circa
1 cucchiaio di alchermes o bagna per dolci -
Mescolare bene e farcire i cenci servendosi di 2 cucchiaini

Gli GNUDI piatto tipico della cucina maremmana

Pubblicato in data 11/01/2016

Condividi la news Gli GNUDI piatto tipico della cucina maremmana su Facebook
gnudi piatto tipico della cucina toscana

Si tratta dell’impasto contenuto all’interno dei ravioli classici, che qui vengono serviti privi del rivestimento di pasta, ovvero “gnudi”, come si dice in dialetto toscano per indicare qualcosa di spoglio e privo di veli.

Ingredienti per 4 persone
Ricotta 350 g
Spinaci 500 g
uova 2
Farina qb
Noce moscata qb
Parmigiano qb
Pomodori 500 g
Olio extra vergine di oliva 10 cucchiai
Sale qb

Cuocete gli spinaci in acqua salata e bollente per pochi minuti. Scolate molto bene e tritate finemente. Lavorate la ricotta, scolata dalla sua acqua e mescolate i due componenti. Aggiungete le uova, la noce moscata, il formaggio e lavorate fino a che non sarà diventato un impasto fine e morbido. Formate delle palline che infarinerete prima di cuocerle in acqua bollente fino a che non vengono a galla. Possibilmente non usate farina nell’impasto, aggiungetela solo se necessario dopo aver fatto una prova di cottura e verificato che non si sfanno nell’acqua.
Serviteli caldi e fumanti con parmigiano se desiderate.